Situata a pochi chilometri da Venezia la provincia di Treviso è una straordinaria combinazione di paesaggi, arte, storia, bellezze naturali, ospitalità e buona tavola.

  • Piazza dei Signori: dove fanno da cornice il Palazzo dei Trecento, al cui interno vi sono suggestivi affreschi e decorazioni, la Torre civica e il Palazzo della Prefettura

  • Calmaggiore: ufficialmente via Calmaggiore, l’antico cardo romano, è la strada principale del centro storico di Treviso, su cui si affacciano palazzi signorili

  • La Loggia dei Cavalieri: del XIII sec., è situata all’incrocio tra il cardo e il decumano e fu la sede dei convegni, conversazioni, giochi per la nobiltà (i “Cavalieri”)

  • Duomo di San Pietro: con le sue sette cupole, fu eretto tra il XV e XVI secolo al posto di una vecchia chiesa romanica. All’interno si può ammirare la pala d’altare del Tiziano e gli affreschi del Pordenone, che prese ispirazione dai modelli della cappella sistina di Michelangelo

  • Le mura di Frà Giocondo: le vestigia attuali sono costituite da una cinta di mura di quasi quattro chilometri, comprendenti soprattutto manufatti medievali (Porta Altinia), quattrocenteschi (Scaligeri), e cinquecenteschi; questi ultimi furono costruiti per difendere Treviso, più importante baluardo di Venezia in terraferma, contro i legati di Cambray.

For privacy reasons Google Maps needs your permission to be loaded.
I Accept

ASOLO

Definita da Giosuè Carducci la città dei cento orizzonti, è uno dei centri storici più suggestivi d’Italia. Raccolta entro le antiche mura che si diramano dalla Rocca, fortezza del XII secolo, conserva in ogni scorcio testimonianze della sua millenaria storia.

CASTELFRANCO VENETO

Situata in posizione centrale tra Treviso, padova e vicenza, città murata con un castello medievale, è famosa per essere la città del Giorgione, dov’è possibile visitare la sua antica dimora, Casa Giorgione, e, in una cappella del Duomo, la famosa Pala di Castelfranco.

POSSAGNO

Patria del più grande scultore neoclassico Antonio Canova. Scultore eccelso, ha lasciato la sua grande eredità d’arte nella Casa Natale e, accanto, nella solenne Gipsoteca realizzata nel 1836, che raccoglie pressoché tutti i modelli originali delle sue sculture, i bozzetti in terracotta, i disegni, i dipinti.

VILLE DI ANDREA PALLADIO

Villa Emo (1560 ca) a Fanzolo e Villa Barbaro a Maser, affrescata da P. Veronese, Patrimonio UNESCO, rimasta al centro della sua fiorente tenuta agricola, dalla cui Cantina storica escono vini di grande pregio.